Ospedale della Marina di Pola
(Marine-Spital von Pola)

Storia:

Costruito a partire dal 1861 l’Ospedale della Marina (k.u.k. Marine-Spital) di Pola si trova a sud del rione cittadino di San Policarpo in direzione di Veruda. Oggi la farmacia dell’Ospedale della Marina è ospitata nel Museo Storico dell’Istria.
A causa della rivolta del 1848-1849, che aveva reso ai loro occhi poco affidabile la ex capitale della Serenissima Repubblica di San Marco, l’Ufficio Centrale Militare di Vienna si trovò nella necessità di individuare un nuovo porto militare, dopo quello di Venezia. La scelta era tra i porti di Pola e quello di Trieste. Nel 1857 fu scelto il porto di Pola soprattutto su decisione dell’Arciduca Ferdinand Max. Iniziò una frenetica e gigantesca attività di costruzione. Il già esistente Cantiere di Scoglio Olivi (Oliveninsel) fu ampliato, mentre il cuore della piazzaforte navale diventava l’Arsenale Navale (Seearsenal), costruito secondo i piani del tenente colonnello Karl Möring. Così nacque gradualmente a sud-ovest del Monte Zaro il quartiere navale con l’Ospedale di Marina (Marine-Spital), la Chiesa della Marina (Marine-Kirche), le Carceri della Marina (Marine-Gefangenhaus), la Scuola Macchinisti (Maschinen-Schule), il Cimitero Navale (Marine-Friedhof) e il Circolo della Marina (Marine-Kasino).
Allo scoppio della prima guerra mondiale, nel 1914, responsabile dell’Ospedale era il comandante di vascello (Lininenschiffskäpitan) dottor Georg Kugler, coadiuvato dal tenente di vascello (Linienschiffsleutnant) Karl Jirku.